More
    Home Blog

    DAL KOSOVO ALLA CONSOLLE

    Alessandro Fabbri, artista poliedrico. Musicista, ballerino, ma soprattutto deejay affermato. Dopo aver visto la morte in faccia, a causa di un’infezione rara che lo ha costretto ad un intervento di bypass gastrico, Alessandro Fabbri, in arte “Fabbrix”, quarantuno anni, romano, ha deciso di cambiare radicalmente vita per inseguire i suoi sogni, assecondando le sue velleità artistiche. L’ex militare dell’Esercito, infatti, ha lasciato la divisa e ha iniziato ad esibirsi in giro per il mondo come deejay, e non solo. Noi di Visto lo abbiamo raggiunto telefonicamente per fare due chiacchiere con lui e saperne qualcosa di più (foto di Michela Moretti)

    Ha militato tra le fila dell’Esercito ma, dopo una missione di 6 mesi in Kosovo, ha scoperto di aver contratto un’infezione che l’ha costretta a sottoporsi a diversi interventi chirurgici. Ci può raccontare? 

    “Si, sin da bambino ho sempre voluto intraprendere la carriera militare e, quando ci sono riuscito, dopo una missione di 6 mesi in Kosovo, ho scoperto di essere affetto da TTV, un’infezione per la quale non esiste ancora una cura definitiva. Da quel momento ho vissuto un calvario e ho dovuto sottopormi anche ad un intervento di bypass gastrico. In  seguito, ho messo su un bel po’ di chili, a causa dell’operazione, dello stress e di mille altri fattori”.

    L’infezione ha stravolto completamente il suo corpo, facendola ingrassare notevolmente, nel giro di pochissimo tempo. Come ha vissuto quest’esperienza e come ha fatto a venirne fuori? 

    “E’ stata l’esperienza più drammatica della mia vita. Mi sentivo costantemente gonfio, ingrassavo e avevo un forte reflusso; non riuscivo più nemmeno ad addormentarmi, avevo la sensazione perenne di essere sul punto di morire, soffocando. Quando mi guardavo allo specchio, non riuscivo a riconoscermi. Ero psicologicamente distrutto, sempre angosciato tanto da rinchiudermi in me stesso, isolandomi. Mi sentivo inutile. Per fortuna, ad un certo punto, ho capito che dovevo reagire e, anche se con grande fatica, sono riuscito a rimettermi in carreggiata, grazie soprattutto alla mia passione per la musica che oggi è diventata il centro della mia esistenza””.

    La musica, dunque, ha rappresentato la sua ancora di salvezza, in un periodo particolarmente difficile della sua vita. Quando ha capito di avere le qualità per poter diventare un cantante? 

    “La musica ha rappresentato la mia rinascita. Ho iniziato a cantare e a ballare per diletto finché un giorno mio video dedicato a mia nipote disabile ha spopolato sul web, facendomi conoscere nell’etere. Mia nipote è affetta da SMA e ha sempre sognato di essere una ballerina e una cantante, proprio come me e quindi io ho fatto mie le sue passioni, aiutandola a sognare attraverso le mie esperienze. Ho supportato anche molti progetti di beneficenza in favore delle famiglie colpite da questa malattia rara. La musica ha la forza di cambiare il mondo, aiutando chi ne ha bisogno, se la si fa col cuore”.

    Musicista e show-man. Ad un certo punto, è passato in cabina di regia, cominciando a produrre musica ed ora è un dj affermato. Ce ne parla? 

    “Ho cominciato esibendomi all’Ade, un evento di settore molto importante che mi ha dato grande visibilità. Attualmente lavoro come Dj, anche se la pandemia da Coronavirus ha paralizzato tutto il mondo della musica e dello spettacolo in generale. Tuttavia, ho alcuni miei dischi in produzione che usciranno appena sarà possibile ritornare alla quotidianità di sempre, in collaborazione con deejay ed etichette discografiche internazionali. La musica elettronica, in particolare, è la mia grande passione e riesco a spaziare dall’Edm alla Tecno house. Non vedo l’ora che l’emergenza sanitaria rientri, così da poter ricominciare ad esibirmi in giro per il mondo, ho già dei tour in programma ma il mio sogno è quello di suona al Tomorrowland”.

    Ma oltre alla musica, ha anche un’altra passione che è quella della moda… 

    “Si, sono anche appassionato di moda. Mi diletto come modello curvy. In realtà, shooting e passerelle non sono stati la mia prima scelta ma molti fashion coordinator e stylist di grido mi hanno consigliato di provarci e così mi sono gettato a capofitto anche in quest’altra avventura. Ho iniziato a posare per diversi brand di abbigliamento e il mio desiderio più grande è quello di realizzare, un giorno, un mio marchio e vestire i migliori interpreti della musica italiana e non solo”.

    Quali sono i suoi progetti per il futuro?

    “Voglio proseguire sul solco tracciato, diventando il deejay più famoso del mondo”.

    @star3000

    Bugie, segreti, contraddizioni sul caso di Mario Biondo

    Sono passati ormai 8 anni da quel tragico giorno in cui un ragazzo di nome Mario Biondo venne trovato senza vita nel salotto di casa sua a Madrid.
    Da subito gli inquirenti spagnoli parlarono di suicidio, tesi che però non ha mai convinto la famiglia del ragazzo.Sul caso ci sono stati molti punti palesemente poco chiari ,si è trattato di suicidio o di un misterioso omicidio?


    Ma andiamo per ordine e cerchiamo di ricostruire i fatti di questa triste storia che ha toccato il cuore di tutta Italia e non solo…
    Mario Biondo viveva e lavorava come cameramen a Madrid, per alcune importanti trasmissioni televisive,e proprio lavorando per la trasmissione “Isola dei famosi” spagnola incontra la sua futura moglie Raquel Sancez Silva, famosa inviata del programma.
    Tra i due scatta subito la passione,che li unirà in matrimonio a soli pochi mesi dalla loro conoscenza.
    Quasi un anno dopo, il 30 maggio 2013, Mario viene trovato morto nel salotto di casa sua dalla domestica che spaventata ha chiamato subito i soccorsi.
    Sul posto arriva la polizia spagnola,che archivia il caso come suicidio, ma i genitori di Mario non accettano la decisione delle autorità spagnole spingendo fortemente per la riapertura del caso da parte delle autorità italiane. Un’archiviazione tempestiva senza neanche delle indagini accurate, con un autopsia che secondo alcuni addetti ai lavori lascia molto a desiderare infatti il medico legale Spagnolo ha dichiarato che lo stomaco di Mario era vuoto tesi smentita dagli inquirenti italiani.
    Un’autopsia superficiale che non ha nemmeno individuato il grande solco sulla nuca , un segno strano per una persona che si è impiccata da sola..
    Dal secondo esame autoptico, sono emerse numerose incongruenze che spingono gli inquirenti spagnoli ad iscrivere nel registro degli indagati il medico legale che effettuò la prima autopsia.
    Aggiungiamo pure che la casa in cui è stato trovato il cadavere di Mario, non è stata messa neanche sotto sequestro per delle ulteriori verifiche del caso.
    Una volta che la polizia spagnola ha portato via il corpo del povero Mario sono state riconsegnate le chiavi di casa alla moglie impedendo di poter analizzare la scena del crimine.
    Infatti,sul collo di Mario c’era un doppio segno di stretta incompatibile con la pashmina, sono state trovate contusioni sulla fronte che c’entrano ben poco con l’impiccagione.
    Inoltre nel salotto del crimine, gli oggetti che si trovano sulla libreria (poco resistente)dove si sarebbe impiccato,erano tutti in ordine nonostante il suo peso corporeo e nonostante gli spasmi provocati dalla morte per soffocamento, per non parlare della posizione del corpo totalmente innaturale,infatti i piedi del giovane ragazzo toccano a terra.
    Secondo l’avvocato della famiglia del ragazzo un’altra stranezza è stato il trasporto (dalla Spagna in Italia )della salma senza nessuna protezione zincata infatti la salma era solamente avvolta da celofan non permettendo a chi avrebbe dovuto indagare di rilevare tracce o eventuali prove.
    Si aggiungono le perizie effettuate sui computer presenti nell’appartamento, Da queste analisi emergono numerose ricerche su internet mirate a scoprire dei video hard che avrebbero potuto vedere La moglie come protagonista.
    Inoltre dalla perizie, risulta che sul computer di Mario, dal quale sarebbero stati cancellati 996 gigabyte di memoria, sia stato installato un software per essere controllato a distanza.
    Infine sembra che il computer sia stato collegato a varie reti Wi-Fi, in un periodo post mortem del cameraman.
    Alle domande degli inquirenti italiani, sui computer, Raquel in Tribunale in un primo momento smentisce di aver affidato il dispositivo ad un tecnico esterno, ma solo in un secondo momento smascherata dagli inquirenti correggerà la prima versione ,affermando di aver solo cancellato delle foto personali insieme a suo cugino, che lavora come tecnico informatico.
    La vedova, durante l’udienza sembra arrampicarsi sugli specchi cercando di dare giustificazione a delle palesi bugie.
    Nei mesi successivi viene disposta una terza autopsia sul corpo di Mario che conferma nuovamente l’ipotesi del suicidio, ma secondo la famiglia anche in questo caso ci sono state delle incongruenze legate ai reperti che mostravano anomalie nella numerazione.

    Mario non aveva davvero nessun motivo per togliersi la vita,la sua vita stava andando per il meglio tanto che La sua carriera di regista stava finalmente muovendo i primi passi verso la direzione giusta.Stava organizzando una vacanza a Madrid con i suoi familiari. Ne aveva parlato fino a pochi minuti prima di morire con la sorella via chat su Facebook.
    Mario, era un giovane uomo con grandi progetti.
    Un matrimonio all’apparenza felice infatti Con lei voleva gettare le basi per una famiglia, la sua famiglia. E ce la stava mettendo tutta, infatti il 5 giugno di quel terribile anno la coppia si sarebbe dovuta sottoporre all’inseminazione artificiale per avere un figlio .


    A testimoniare tutto questo non sono solo i familiari ma tutte le persone che hanno avuto contatti con la coppia.
    Ma quella sera Raquel non era con lui.
    La stessa conduttrice ha dichiarato che il giorno in cui è stato trovato morto suo marito lei si trovava a Plasencia una cittadina a 150 km da Madrid presso la casa della madre per assistere uno zio malato.
    Mentre alcuni giornali a quanto pare smentiscono la tesi della conduttrice riferendo la possibilità che potesse essere stata invitata ad una festa a casa di un amico nella capitale.
    La donna si è sempre opposta alla riapertura del caso, sostenendo la tesi del suicidio.
    Ma vi sembra normale questo atteggiamento della moglie?
    Tra La famosa conduttrice e la famiglia Biondo il clima non è dei migliori fin dai primi giorni dopo la morte di Mario. La famiglia non crede assolutamente all’ipotesi del suicidio a differenza di Raquel.
    Per queste motivazioni ci sarà una vera e propria chiusura di ogni rapporto tra la famosa conduttrice televisiva spagnola e la famiglia di Mario.
    La nota conduttrice inoltre in più occasioni ha denunciato i familiari del marito ritenendo che i genitori di Biondo abbiano avviato contro di lei una “campagna di molestie”.
    Nel frattempo, la famiglia di Mario inizia una battaglia legale che ha come obiettivo di far luce sulla tragica fine di Mario, convinti che si sia trattato palesemente di un omicidio.
    La Procura di Palermo inizia così una inchiesta complessa che si conclude con una prima richiesta di archiviazione dopo avere disposto la seconda autopsia, affidandola al professor Paolo Procaccianti. Il noto medico legale palermitano aveva concluso per un suicidio ma le conclusioni del suo operato sono state duramente criticate dai consulenti dei Biondo, al punto da arrivare a fare disporre un’altra autopsia affidata a un gruppo di esperti.
    Ma anche questa volta gli esperti convergono sull’ipotesi del suicidio. A questo punto arriva nuovamente la richiesta di archiviazione da parte della Procura Generale ma il Giudice per le indagini preliminari, sostiene fermamente che sono troppe le anomalie e le contraddizioni evidenziate, a cominciare proprio dal solco dietro alla nuca che “non può di certo essere ricondotto alla sciarpa”. Anche su quello che successe sul computer di Mario si dovrà fare chiarezza.


    Negli anni sono stati tanti gli interventi in tv da parte della madre,una madre guerriera pronta a tutto anche a costo di andare contro il sistema ad indagare insieme agli inquirenti e agli avvocati.
    A parere mio ci sono troppi elementi in questo caso che proprio non tornano e mi auguro che possano essere chiariti una volta per tutte perché la famiglia e lo sto Mario merita giustizia!

    Luigi Raimondo Migliaccio

    @star3000

    È uscito “Trans Boom Boom”il singolo estivo di Jessica Cannavó la prima trans apparsa in tv

    Ritmo dance , coinvolgente e con un sound stile anni 90. Jessica Cannavó la trans catanese divenuta popolare nei programma di Alda D’Eusanio “ al posto tuo” e “ ricomincio da qui”, torna sulle scene musicali con un pezzo dance e molto ritmato che racconta e descrive il mondiale transessuale. Jessica canta assieme al rapper Seby suo compagno anche nella vita. I due fanno coppia infatti da tredici anni e adesso hanno consacrato anche il loro sodalizio artistico. Ecco alcuni passi di “Trans boom boom” : Nel via vai di questo show
    veri vip transgender boys
    Nel via vai un vero shock
    Trans transgender trans bom boms transgender Nel via vai di questo show
    eri vip transgender boys
    Nel via vai un vero shock
    Trans transgender trans bom bom

    Sole Tropicale é la nuova hit estiva dei Lost

    Dopo “Banksy” e “Come Ci Siamo Arrivati”, i LOST tornano con un nuovo singolo dai suoni travolgenti. “Sole Tropicale” conGiorgieness (Be Next Music/Sony Music Italy– Management SorryMom!) è uscito venerdì 23 Luglio.«Sole Tropicale” è una dichiarazione a cuore aperto in cui raccontiamo come si sta bene a perdere la testa per qualcuno e ciò che questa sensazione ti porta a fare. Parliamo di quell’amore da urlare da un finestrino,da fitte allo stomaco – spiega la band composta da Walter Fontana (voce), Roberto Visentin (chitarra e voci) e Luca Donazzan(basso e voci) – È un pezzo sognante, popche non si mette confini. A completare il puzzle ci ha pensato la voce della straordinaria Giorgieness che ha portato il brano ad un nuovo livello».In coppia con Walter Fontana, infatti, a cantare “Sole Tropicale” c’è Giorgieness, nota cantautrice e chitarrista classe ’91, da molti anni nelle scene musicali italiane. Celebre la sua recente collaborazione con il cantautore romano AvincolaQuando ho iniziato a suonare a 15 anni, i LOST ne avevano pochi di più e li vedevo sul magazine “Cioè”. Quando mi hanno chiamata e mi hanno chiesto di cantare “Sole Tropicale” con loro non me lo sono fatto dire due volte – racconta Giorgia D’Eraclea –. Non so come ringraziarli per questa occasione. Del resto, quando uno nasce emo non può spostarsi troppo. Ci siamo tagliati il ciuffo, ma abbiamo comunque passato la giornata ad ascoltare gli All Time Low e a parlare di strumenti come i nerd che siamo. Spero che questa canzone vi faccia ballare piano, innamorare, aprire i finestrini e cantare forte tornando dal mare».Giorgieness è protagonista insieme ai LOST del video di “Sole Tropicale”, girato nella cornice della splendida Jesolo (VE), tra lo storico Gasoline Road Bar e le spiagge dorate.
    Il titolo della canzone dà il nome, inoltre, alla birra targata LOST nata per l’occasione in collaborazione con Birrificio La Villana di Vicenza e Movimento 5 Litri.

    Valerio Riccobono arrabbiato con i ministri:“la Sardegna brucia, fate qualcosa!”

    Il Giovane siciliano Valerio Riccobono, anche questa volta ha voluto dire la sua sull’incendio avvenuto in Sardegna, che ha portato via 20 mila ettari, tante ore di fiamme e nessun aiuto, animali carbonizzati; Così il giovane conduttore del “Salotto” ha detto la sua attaccando i ministri sulle stories Instagram, ecco cosa ha detto:

    “ È vergognoso e da brividi vedere come sta bruciando questa meravigliosa terra, e nessuno fa niente! Ma i ministri dove sono?Quando si tratta di uscire soldi per queste Emergenze non c’è mai nessuno, ma quando c’è da guadagnare in tanti ci mettono le mani! Ho i brividi nel vedere le foto di tantissimi animali carbonizzati per amore di non lasciare il proprio habitat, come non pensare alla foto del cane pastore carbonizzato che sta facendo il giro del web, questo povero cane pur di salvare il gregge ha sacrificato la propria vita. Impariamo da loro, e iniziamo a pensare che  ciò che accade al di fuori di casa nostra riguarda anche noi!!!!! Spero che il governo si sveglia. Sono molto triste veramente amareggiato dal governo che abbiamo. Riprendi Sardegna meravigliosa terra.”

    Così conclude il giovane ragazzo, si può percepire dalle sue parole la tristezza è l’amarezza verso un governo assente, un governo che non ha preso in tempo l’ennesimo caso di incendio. Ci stringiamo al dolore della Sardegna, che tutti i sardi possano rialzarsi.

    Ecco la stories di Valerio Riccobono:

    Ecco alcune immagini che arrivano dalla Sardegna:

    Torna il “Giacinto Festival”. Quest’anno si tratta della settima edizione

    Torna l’atteso festival di informazione e approfondimento sulla cultura omobitransessuale. “GIACINTO FESTIVAL-NATURE LGBT+”, giunto quest’anno alla VII edizione. Tra i protagonisti di questa edizione: la giornalista SELVAGGIA LUCARELLI, il primo sindaco transgender italiano GIANMARCO NEGRI, lo scrittore e giornalista FRANCESCO LEPORE e la documentarista MARIA LAURA ANNIBALI. Sabato 7 e domenica 8 agosto 2021 ritorna nella splendida città di Noto il festival di informazione e approfondimento culturale lgbt+: “Giacinto festival – nature lgbt+” . Anche quest’anno saranno due giornate di confronto e approfondimento, con mostre, documentari, presentazioni di libri, dibattiti, per raccontare le realtà e i temi della comunità LGBT+ (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transessuali). Gli aventi del festival sono patrocinati dal Senato della Repubblica, dalla Camera dei Deputati, dalla Regione Siciliana e dall’UNAR. Il festival è diretto dall’attore ed operatore culturale Luigi Tabita: “il tema di questa settima edizione è la resistenza. Dopo il 2016, anno dell’approvazione della legge sulle unioni civili, ci troviamo in questi mesi nuovamente in una querelle per l’approvazione di una legge di civiltà, legge Zan, che vuole combattere l’omotransbifobia, misoginia e abilismo e che potrebbe portare la nostra società a compiere un nuovo passo in avanti sul tema dei diritti proprio nel rispetto di quell’uguaglianza sancita dall’art.3 della nostra splendida Costituzione. Ma anche questa volta c’è chi dice no. Chi mistifica. Ma è possibile continuare a mediare al ribasso sui diritti umani? Sulle vite e la sicurezza delle persone? I casi di violenza omotransfobica sono in vertiginoso aumento! Ormai il tempo è scaduto, bisogna resistere e approvare questa legge. Resistere, come affermava Tina Anselmi, per costruire un mondo migliore non solo per noi ma anche per chi non vede, non può o non vuole guardare”. L’apertura del “Giacinto festival” avverrà con un’istallazione urbana nel centro storico della città dal titolo “Sentieri ”. Verrà infatti allestito un sentiero didattico con le riproduzioni di personaggi illustri il cui orientamento sessuale è stato sempre celato. Spesso questo aspetto che viene eliso diventa la chiave per comprendere grandi azioni e creazioni della storia. Il percorso sarà curato da Tommaso Scaramella , ricercatore assegnista dell’Università di Verona e allestito da Paolo Papa , flower designer. Altro importante appuntamento della prima serata sarà un panel sul tema “ omofobia e misoginia” . Dialogheremo con il giornalista Francesco Lepore, che per l’occasione presenterà il suo libro/inchiesta “ il delitto di Giarre ”, con Paolo Patanè, già Presidente nazionale Arcigay e Maria Laura Annibali. L a serata continuerà con la proiezione del documentario “ L’altra altra metà del cielo-donne ” di Maria Laura Annibali. La fine della prima giornata si concluderà nella piazza centrale con la creazione di un’opera di FilmArt biodegradabile realizzata dall’artista Mikhail Albano dedicata a Raffaella Carrà , importante icona della comunità lgbt+ che attraverso le sue canzoni e le sue scelte ha sempre lanciato messaggi di emancipazione e libertà. La seconda giornata del “Giacinto festival” si aprirà con la creazione di una installazione urbana. Dopo le strisce pedonali realizzate l’anno scorso, le associazioni lgbt+ dipingeranno con i colori dell’arcobaleno, simbolo della comunità, una panca del centro storico. In serata si ritornerà all’interno del convitto delle Arti per un panel dal titolo “ diritti alla sbarra” con ospiti Gianmarco Negri primo sindaco transgender d’Italia e la giornalista Selvaggia Lucarelli . Anche quest’anno il festival si svolgerà nel raffinato Cortile del Convitto delle Arti , contaminando il centro storico di Noto con varie iniziative. Media partner GAY.it Partner della manifestazione: Arcigay, Stonewall, Agedo, Amnesty International, No Hate Speech Movement Italy- No all’odio, Giosef Siracusa, Lila, Astrea in memoria di Stefano Biondo, Arciragazzi Siracusa 2.0.,Compagnie Internationale.

    Il premio Taormina Gold ha portato in passarella le due collezioni “Poseidon Three and Pearl dream collection”

    La fashion designer Eleonora Altamore in occasione dell’attesissimo Galà Exclusive, Premio Taormina Gold ha portato in passarella le due collezioni “Poseidon Three and Pearl dream collection” ispirate alle bellezze del mare, alle leggende di miti e divinità. Nell’ambito della kermesse di Cultura, Spettacolo, Informazione Scientifica e Solidarietà presentata da Patrizia Pellegrino e Ruggero Sardo si sono mosse oltre alla collezione della Altamore, anche le performance di altri protagonisti nello splendido scenario del Teatro Antico di Taormina. Un momento “glamour” in pieno stile Dolce Vita che ha posto al centro, con interesse divulgativo, la solidarietà su un piano etico e sociale.

    La Perla dello Ionio ha fatto da sfondo alla fusione della linea di moda “Poseidon Three Collection”e alla “Pearl dream collection” in cui c’è l’esaltazione delle gemme preziose che fin dall’antichità avevano un potere simbolico e venivano interpretate come gocce d’acqua cadute dal cielo nel mare che attraverso la luce del sole della luna si solidificavano. Nell’antica Grecia il fascino legato alla Dea dell’amore Afrodite, mentre in Occidente la perla rappresenta la purezza, legata la nascita di Venere rappresentata anche dal Botticelli.

    Nell’ambito della serata sono stati assegnati i “Premi Taormina Gold” alla carriera oltre alla Altamore, anche ai seguenti personaggi di rilievo nell’ambito della cultura e dello spettacolo italiano:

    Medicina: Prof. Calogero Grillo, Direttore Clinica Otorinolaringoiatrica Università di Catania; Prof. Alessandro Cappellani, Direttore Dipartimento Chirurgia Generale e Specialità Medico Chirurgiche Università di Catania.
    Fiction Televisiva: Pietro Genuardi (Il paradiso delle Signore – Armando)
    Moda: Impero Alta Moda; Gerardo Sacco; Gianni Molaro Haute Couture; Accademia di Belle Arti, con sfilata diretta dalla Prof.ssa Liliana Nigro.
    Giornalismo: Rosanna Lambertucci, Giornalista Scrittrice.
    Cinema Spettacolo: Simona Izzo, Attrice, Regista, Conduttrice Televisiva; Ricky Tognazzi, Attore, Regista, Produttore Cinematografico; Manlio Dovì, Attore, Cabarettista, Imitatore.
    Il Premio Taormina Gold, in particolare, per i brand e le aziende del settore, è in assoluto un punto di riferimento nel Sud Italia, un momento imprescindibile per aumentare la propria notorietà, anche attraverso format che abbandonano il modello tradizionale.

    Le avventure di Nicola Pepe in un libro tutto da scoprire

    Da novembre anche in Italia partirà il programma tv Drag race Italia.

    Durante la presentazione del palinsesto di Discoveryper la futura stagione televisiva, Laura Carafoli,responsabile della programmazione e delle produzioni originali del gruppo Discovery Italia, ha confermato quello che da qualche tempo a questa parte rumoreggiava sulla presunta realizzazione del programma “Drag Race Italia”aggiungendo alcuni gustosi retroscena in merito. 

    Il programma sarà monitorato da RuPaul ci fa’ sapere che i casting sono già’ iniziati e che il programma nasce dall’esigenza di mostrare al pubblico come lo spettacolo crea una liason all’amore per la diversità in tutte le sue forme.

    La novità di questo programma è che non nessun conduttore a guidare il programma saranno tre giudici d’eccellenza stiamo parlando  di Chiara Francini, l’attrice, scrittrice e conduttrice italiana che ha condotto Love Me Genderche potete vedere sul canale 135 di Sky, un programma che racconta la vita di sei giovani transgender. Insieme a Chiara abbiamo Priscilla, nota artista drag eletta Miss Drag Queen Italianel 2007. E per finire abbiamo la ciliegina sulla torta ,colui che in meno di un anno è diventato il personaggio più in luce di tutti ossia Tommaso Zorzi, vincitore dell’ultima edizione del Grande Fratello Vipe opinionista dell’Isola dei Famosi.

    Drag Race Italiasarà la versione italiana del format americano RuPaul’s Drag Race,  che va in onda ormai dal lontano 2009.

    In un momento storico come questo dove si sta combattendo per l’approvazione del progetto di legge DDL Zan è bello che in Italia sia 

    finalmente arrivato questo programma rivoluzionario che vuole mostrare quel mondo luccicante molto spesso etichettato.

    Da novembre la tv italiana sarà avvolta dalla grande bellezza e la straordinaria arte del drag locale.

    Luigi Migliaccio 

    il programma tv “stai con me” chiude con un boom di ascolti e da settembre ripartira’ con Tantissime novita’

    Da Settembre torna in TV
    “Stai Con Me”con KRASSYM

    Dopo l’importante successo della scorsa edizione, che ha visto il contenitore televisivo raggiungere picchi di ascolti, KRASSYM si appresta ad affrontare questa nuova edizione di “STAI CON ME” confermando quelli che sono i punti di forza del programma pur introducendo alcuni elementi di novità.

    Torna in TV da Settembre 2021 il fortunato talk show “Stai Con Me”, ideato e condotto da KRASSYM, con tante novità. Una nuova edizione, in linea con la formula vincente dell’ultima stagione, ma arricchita da numerose novità che caratterizzeranno sempre più l’identità del programma costruito attorno al suo conduttore. Uno show unico nel suo genere che ha conquistato i telespettatori, merito dei numerosi ospiti VIP e della presenza del giornalista Michele Cucuzza , grazie al quale il programma manterrà un costante collegamento con l’attualità affrontando temi di largo interesse sociale (salute, scuola, società, cronaca, ecc.).
    Il programma “Stai Con Me” è un format radio-televisivo, ideato nel 2015 da Krassym e Valerio Schiavulli, che sin dall’inizio si è proposto di rivoluzionare i linguaggi e i contenuti della televisione classica. Molti gli ospiti VIP intervenuti nel salotto di Krassym fino ad oggi, come: Vittorio Sgarbi, Bruno Vespa, Ivana Spagna, Vincenzo Mollica, Michele Mirabella, Cecilia Gayle, Orietta berti, Lele Mora, Wanda Fischer, Marisa Laurito, Patrizia De Blanck, Gianluca Mech, Patrizia Mirigliani, Amedeo Goria, Savino Zaba e tanti altri. Molte le novità della prossima edizione alla quale stanno già lavorando gli autori, non mancheranno i fmigerati momenti musicali dove il conduttore balla a ritmo dei grandi successi trasportando il pubblico in una sorta di sala da ballo. Nuove rubriche di varia natura all’insegna dell’intrattenimento e del divertimento con un’attenzione particolare ai giovani talenti che si esibiranno nel corso delle puntate. Grande spazio alle celebri interviste del conduttore KRASSYM, che trasforma in racconti popolari sulla vita privata e pubblica di personaggi del mondo dello spettacolo, della musica, della politica e della cultura. Quello delle interviste è uno dei momenti più seguiti del programma, grazie anche alla particolare cura e attenzione che viene messa sia nella scelta degli ospiti che nella costruzione del racconto/intervista.

    Belen rodriguez di nuovo mamma della piccola luna mari’

    La bellissima Belén Rodríguez è diventata di nuovo mamma. È nata la piccola Luna Mari, forse l’evento più atteso dal gossip italiano di questi ultimi anni. 

    Per Belén Rodríguez è il secondo figlio dopo Santiago , nato dal matrimonio con il ballerino Stefano De Martino, ormai ex fiamma. 

    C’è stato un ritorno di coppia, tre anni dopo, ma nonostante ciò la minestra riscaldata non è quasi mai buona.

    Oggi il cuore di Belen è stato rapito dal parrucchiere più invidiato d’Italia Antonino Spinalbese, inizialmente sconosciuto al gossip e che non ha tardato a conquistare gran parte del pubblico nonostante il suo profilo decisamente più sobrio rispetto alle ex fiamme della show girl Argentina. Belen dice di lui “per me è stato un colpo di fulmine, Antonino è completamente diverso da tutte le persone che ho incontrato”.

    Luna Mari è nata ieri a Padova; immensa gioia per i neo genitori che hanno annunciato la nascita della loro bambina sui social per la gioia dei fans. 

    Belen presenta Luna mari’ ai suoi followers :”Luna Marie 12/07/2021 2,9 kg nata alle 12:47 a M parto naturale grazie a tutti per gli auguri siamo di una felicità indescrivibile”.

    Calcio: Azzurri campioni d’Europa con 4:3. In Italia sembra la notte di capodanno.

    Italia è campione d’Europa. La nazionale di Mancini batte l’Inghilterra dopo i calci di rigori 4-3. Decisivo l’errore di Saka. Nei 120’ gara chiusa sull’1-1: partenza lanciata per la squadra di Southgate che passa in vantaggio dopo 2’ con Shaw. L’Italia soffre ma nella ripresa domina e trova il pari al 67’ con una zampata di Bonucci. Poi l’epilogo dagli undici metri con la decisiva parata di Donnarumma.

    Non sono mancate di certo forme di festeggiamento in tutte le città d’Italia, dal nord al sud in tanti si sono riversati nelle piazze dove non solo c’è stata la possibilità di assistere a varie proiezioni in diretta dell’evento ma soprattutto si è dato vita a veri e propri momenti di delirio e manifestazioni di felicità anche attraverso l’utilizzo di botti e fuochi pirotecnici, per una sera il calcio ha fatto dimenticare a tutti del covid e delle restrizioni.